jump to navigation

Nuovo regolamento del Consiglio Comunale: vietate le riprese. 11 marzo 2011

Posted by cesenacinquestelle in Uncategorized.
trackback

Si è approvato ieri in Consiglio Comunale a Cesena il Regolamento per lo svolgimento del Consiglio Comunale in una seduta che a causa di un clima al vetriolo è stata sospesa per ben 3 volte.

La commissione per Statuto e Regolamento era cominciata il 28 gennaio 2010 e si è conclusa a fine febbraio 2011. 13 sedute in totale.

Durante la votazione il Consigliere di Cesena 5 stelle ha chiesto che venisse votato separatamente dal resto del Regolamento l’art. 88 (quello sulle riprese audiovisive) votandolo CONTRO.

L’approvazione ha visto i voti di PD, IDV, Sinistra per Cesena, PDL e PRI.

Astenuti UDC, LEGA e CESENA 5 STELLE.

Di seguito trovare copia del Regolamento approvato e l’intervento del nostro Consigliere che non ha votato a favore del Regolamento per le ragioni che ben capiterete.

Regolamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consigliari.

Intervento di Natascia Guiduzzi, Consigliere Comunale di Cesena 5 stelle.

Dividerò il mio intervento in 2 parti. Una parte nella quale darò valutazioni di merito e la seconda nella quale darò valutazioni di metodo.

Nel merito del Regolamento che andiamo ad approvare e che è a mio avviso  peggiorativo rispetto alla versione in vigore fino ad oggi, vorrei focalizzare l’attenzione su un paio di argomenti. E’ vero che questa versione è il frutto di mesi di lavoro della commissione e che c’è stato il tempo per discuterlo ma qualche valutazione sul merito va fatta.

Partirei ad attirare l’attenzione dei colleghi consiglieri sulla materia di convocazione del Consiglio comunale.

Il vecchio regolamento citava al comma 10 dell’art 15 Il Presidente è tenuto a riunire il Consiglio Comunale in un termine non superiore a venti giorni, quando lo richiedano un quinto dei Consiglieri o il Sindaco inserendo all’Ordine del Giorno le questioni richieste.

E aggiungeva al comma 12 che Se il Presidente non provvede (alla convocazione), il Consiglio Comunale si riunisce di diritto il quinto giorno non festivo immediatamente successivo.

Questa garanzia per i consiglieri è andata persa con la scrittura del nuovo regolamento perché non si sa cosa accada se il Presidente per un motivo qualsiasi non convoca la seduta.*

L’art 65 invece recita genericamente che Il Presidente del Consiglio comunale, su richiesta di almeno due capigruppo di minoranza, convoca, di norma una volta all’anno, sentita la Conferenza dei Capigruppo, la seduta di Consiglio dedicata ai temi proposti dalla minoranza.

Qui non è indicato un limite temporale, e non si hanno tempi certi. Su questo aspetto quindi il nuovo regolamento è assolutamente peggiorativo rispetto al precedente.

Passo ora a discutere quegli articoli che trattano della ripresa video delle sedute di Consiglio e Commissione.

Il vecchio regolamento non regolamentava questo aspetto. Il nuovo prevede per le commissioni che

Art 27 – Il Presidente della Commissione può autorizzare riprese video delle sedute ove ricorrano le seguenti condizioni: vi sia il consenso unanime dei componenti, la registrazione venga pubblicata integralmente in formato non modificabile in un sito preventivamente indicato e in tempi certi.

E per i Consigli:

Art. 87 – I giornalisti, fotoreporter e teleoperatori seguono i lavori consiliari dallo spazio dedicato alla stampa e devono preventivamente accreditarsi presso l’ufficio stampa comunale con comunicazione scritta firmata dal direttore dell’organo di informazione, anche immediatamente prima dell’inizio dei lavori del Consiglio che specifichi in caso di ripresa, le modalità di ripresa e di diffusione della stessa.

Art – 88

1. L’Amministrazione Comunale assicura con propri mezzi le riprese video delle sedute del Consiglio comunale che vengono pubblicate integralmente sul sito internet del Comune.

2. Non è pertanto consentita, ad esclusione di giornalisti e degli operatori dell’informazione con le modalità previste dall’art. 87, l’effettuazione di registrazioni video.

L’espressione della ripresa dopo aver ricevuto consenso unanime del Consiglieri mi lascia perplessa. Come tutti sapete per i consiglieri che esercitano il mandato elettorale le norme sulla privacy non si applicano, essendo loro personaggi pubblici. Pure le Commissioni sono in generale pubbliche e per quel che riguarda le manifestazioni aperte al pubblico non occorre nessuna autorizzazione alla ripresa.

Il diritto di cronaca inoltre consiste nel diritto a raccontare i fatti per come accadono, con ogni mezzo ritenuto idoneo. Tale diritto deriva direttamente dalla norma che tutela la libertà di espressione, sancita dall’art. 21 della Costituzione della Repubblica Italiana. Il diritto di cronaca si estende a chiunque, anche non iscritto all’albo dei giornalisti, voglia raccontare ad altri vicende avvenute. Il diritto di cronaca si manifesta quindi attraverso la narrazione di fatti. Inoltre gli articoli 10 e 38 del testo unico della leggi sull’ordinamento degli enti locali(D.Lgs.n.267/2000)garantiscono espressamente la pubblicità degli atti e delle sedute del consiglio comunale. In forza di tali disposizioni è possibile effettuare riprese audiovisive purchè gli interessati siano debitamente informati. Informati quindi, non una volta ottenuto il loro consenso. Il Garante per la protezione dei dati personali si è inoltre espresso nel 2099 con un testo che diceva: “Si alle riprese e alla diffusione televisiva delle riunioni del consiglio comunale, anche al di fuori dell’ambito locale, purchè i presenti siano stati debitamente informati dell’esistenza delle telecamere e della successiva diffusione delle immagini. individuando il soggetto responsabile del trattamento dei dati raccolti ,diffusi,custoditi. “

Tradotto in parole povere: il metodo adottato fino ad oggi dall’amministrazione Comunale che prevedeva una comunicazione di ripresa del consiglio, individuando un responsabile che ne diffondesse la ripresa entro un termine temporale, e la comunicazione del Sito dove veniva diffuso, era più che sufficiente.

Negare la ripresa ai cittadini è una evidente negazione di un diritto sancito dalla legge.

Ora vorrei fare un paio di Considerazioni sul metodo.

All’inizio dei lavori della commissione Cesena 5 stelle aveva comunicato che avrebbe provveduto alla ripresa dei lavori. All’insediamento della prima seduta  il 28 gennaio 2010 le riprese furono negate grazie ai voti di PD e PDL. Favorevoli invece alla ripresa e messa online Cesena 5 stelle, Lega Nord e IDV. Astenuto UDC Assente PRI.

La nostra intenzione era quella di mostrare ai nostri cittadini come un regolamento di questa importanza veniva redatto, mostrare le discussioni sui vari aspetti del regolamento, mostrare l’andamento generale dei lavori ma ci fu negata l’autorizzazione.

E’ vero che il regolamento è stato ampiamente discusso, ma la maggioranza converrà con noi che sono stati davvero pochi gli emendamenti accettati e quelli passati erano per lo più emendamenti si forma e pochissimi quelli di sostanza.

Vorrei ricordare che la commissione ha visto durante una delle sedute un acceso dibattito fra le varie forze politiche che aveva portato quel giorno all’abbandono dei lavori di 2 capogruppo. I lavori erano perciò stati interrotti.

Dichiarazione di voto.

Io credo che un regolamento così importante come quello che andiamo oggi ad approvare sarebbe dovuto essere sostenuto da tutte le forze politiche, un regolamento che avesse visto il voto unanime del consiglio comunale avrebbe dato un messaggio ben diverso alla cittadinanza.

La maggioranza avrebbe potuto fare uno sforzo per trovare un consenso fra tutti i componenti della Commissione, io questa volontà non l’ho vista e per questo motivo NON voterò il Regolamento.

Dichiaro quindi che il mio sarà un voto di astensione.

*Il Segretario Generale del Comune comunica dopo l’intervento del Consigliere Guiduzzi che il Regolamento non esplica cosa accada se il Presidente non convoca la seduta perché in tal caso è l’autorità superiore, e quindi il Prefetto a convocarla d’ufficio.

Annunci

Commenti»

1. LaVoceRomagnola - 13 marzo 2011

Perchè nopn hai votato contro?
Il divieto di video riprendere i consigli comunali pubblici è illegittimo e potrà essere facilmente cancellato:
Preliminarmente, ogni ente può emanare le norme che vuole,
anche quelle palesemente illegittime. Saranno valide
finché non verranno dichiarate illegittime dagli organi
competenti.

E’ proprio questo il caso da lei prospettato. Parecchi
consigli comunali, soprattutto quelli minori, emanano norme
che vietano le riprese delle attività del Consiglio. Si
tratta, ovviamente, di norme illegittime. In questo caso
l’unico rimedio è il ricorso al Tribunale Amministrativo
Regionale (TAR).

Il problema, però, è che non può farlo chiunque. Anche
nei processi amministrativi vige il principio dell’interesse
ad agire. Ossia, potrà agire non qualunque cittadino (come
in questo caso appare Lei che mi scrive), ma colui che
concretamente si è visto ledere i propri diritti o
interessi.

Spiegandomi in maniera pratica, se è Lei a voler agire,
dovrà chiedere formalmente all’amministrazione il consenso
a riprendere una seduta del consiglio. Una volta avuto il
rifiuto scritto, potrà impugnare quel rifiuto (che
formalmente è un provvedimento amministrativo) assieme al
regolamento che l’ha occasionata davanti al tribunale che
giudica della legittimità dei provvedimenti amministrativi
e dei regolamenti, ossia il Tar.

Tenga presente che può fare ciò anche semplicemente
inviando una raccomandata a.r. all’amministrazione,
chiedendo di poter liberamente riprendere le sedute. Se
nemmeno Le rispondono (cosa probabile) potrà impugnare
(sempre davanti al Tar) quel silenzio passati 30 gg.

2. Giorgio Venturi - 13 marzo 2011

Sei stata votata per schierarti, per stare da una parte o dall’altra, i cittadini o meglio gli elettori poi valuteranno la tua decisione ma di fronte ad una astensione riguardo la possibilità garantita dalla Costituzione di esprimersi liberamente attraverso un mezzo come la video camera, amio avviso non hai scusanti. Poi essendi tu facente parte di un movimento che ha proposto e realizzato nei comuni italiani, al fine di garantire la trasparenza delle decisioni pubbliche assunte dai nostri dipendenti,Fiato sul collo, la tua astensione ha il sapore ancora più grave di chi predica bene. Impedire a chicchessia di videoriprendere un consiglio comunale pubblico, aperto al pubblico, in cui ci sono personaggi pubblici che prendono decisioni che riguardano tutti e per le quali sono pagati con soldi pubblici senza opporsi ma astenendosi è inqualificabile per un Grillino.Nessuno può impedire di accendere una telecamera in un consiglio comunale senza distinzioni fra giornalsiti e comuni mortali perchè la Copstituzione non fa differenze. Se lo fa, s elo mette in regolametne viola la legge. In politica solo gli invertebrati si astengono.

3. cesenacinquestelle - 13 marzo 2011

Giovedi 10 Marzo mi sono recato al Consiglio Comunale di Cesena per assistere ad alcuni punti all’odg che erano di mio interesse, e ho notato che era strapieno di gente, cosa assai inusuale, infatti di solito non c’è nessuno che assiste. Tra il pubblico c’erano volontari della protezione civile, persone che hanno in appalto il servizio di spazzatura della neve, dirigenti del comune ecc… si dibatteva infatti una interpellanza sui disagi provocati dalla nevicata della settimana scorsa.
Vorrei sapere se il giovedì pomeriggio queste persone si sono prese un giorno di ferie o sono state pagate per fare da casting da comparse in quel frangente, per ben 2 ore (visto che subito dopo, credo raggiunto lo scopo, si sono volatilizzati come NEVE AL SOLE). Vorrei sapere se io come cittadino ho pagato queste persone 2 ore per stare ferme nel Consiglio Comunale, per farsi fare le foto col Sindaco e per rispondere ad una richiesta di una forza politica, mentre in qualche parte della città le piste ciclabili e marciapiedi erano ancora bloccati da alberi caduti o tagliati per la sicurezza. Il Presidente del Consiglio tra polemiche e botta e risposta tra i consiglieri, ha dovuto interrompere la seduta, per ben 5 minuti prima di calmare gli animi, sempre in quel frangente, a seduta chiusa e conclusa, sono stato cacciato su ordine della Consigliera dell’IDV, dalla seduta/platea comunale mentre cercavo di parlare col mio rappresentante politico, che era impegnato in quel momento, in un’altra conversazione.
Se queste sono le persone che ci governano, direi che siamo davvero in ottime mani! complimenti –

— Caro Gioirgio Venturi lei è mai venuto alle sedute del Movimeto? Ha mai fatto banchetti informativi per la cittadinanza? Se mai messo in gioco personalmente con lavoro e famiglia per questa strasparenza e democrazia? o giudica solo? Le ricordo che la democrazia la fa chi partecipa!!
Visto che non l’ho vista all’interno della sala comunale quel giorno, non giudichi, e non offenda esprima la sua opinione ma NON offenda, il consigliere ha votato contro agli Art da lei citati, ma la maggioranza ha fatto passare tutto il regolamento cosi com’è.

Adamo Moscatelli

4. Giorgio Venturi - 14 marzo 2011

Gentilissimo Adamo Moscatelli, quelle che lei chiama offese sono critiche.Come cittadino ed elettore giudico e critico i miei dipendenti,cioè voi, ma forse lei non conosce la liberta di espressione? lei forse si riferisce al fatto che ho giudicato invertebrati coloro che in politica si astengono. Cambi lei la parola invertebrati con “senza midollo” poco coraggiosi, come preferisce il senso della critica era quello, non voleva certo essere offensivo, e non lo è. Pratico, come voi, una cittadinanza attiva, partecipo alle scelte politiche del paese, del mio comune ed anche a quello degli altri visto che la barca è una sola e l’elettore e cittadino deve essere attivo e presente. Nel post suddetto alla voce Movimento 5 Stelle ieri ho letto astenuti. Oggi invece leggo che il consigliere riguardo le videoriprese ha votato contro. Condivdo in pieno quella concreta opposizione che dimostra coerenza e serietà. Ieri però nel post non mi sembrava che fosse specificato, risultava solo l’astensione. Ecco la ragione del mia rabbia. Quindi oggi è giusto dirvi che sono soddisfatto del vostro operato politico. Per quanto riguarda invece le astensioni credo che in politica gli astenuti non dovrebbero esistere. UDC nazionale ha fatto scuola. Ci si deve schierare sempre ed ovviamente rispettando i programmi e le promesse elettorali. é questo che mi aspetto da chi è stato eletto a rappresentare i cittadini.Detto ciò la ringrazio per avere risposto alle mie obbiezioni, alle mie critiche dimostrando trasparenza e rispetto e soprattutto per aver chiarito i miei dubbi.
Giorgio Venturi

5. Giorgio Venturi - 14 marzo 2011

Gentilissimo Adamo Moscatelli aggiungo un ulteriore chiarimento alla sua gentile risposta.
Si mi metto in gioco personalmente con lavoro e famiglia per questa strasparenza e democrazia ogni giorni, spendo anche risorse rpivate per farlo, tra i tanti eccoti un esempio:

http://www.youtube.com/user/LAVOCEROMAGNOLA?feature=mhum

Poi nel post precedente firmato LaVoceRomagnola, vi ho girato la lettera da me ricevuta a seguito di una mia richiesta di chiarimento legale che concretamente potrebbe servirvi per ristabilire la legalità in ,materia di liberta d’espressione. Quindi non giudico solo ma propongo e cerco di dare il mio contributo.

Giorgio Venturi

6. cesenacinquestelle - 14 marzo 2011

sig Giorgio Venturi sono un suo ammiratore per i suoi video,(ed alcuni li ho presentati al sig. Beppe), non sapevo, mi scuso se le sono sembrato in qualche modo agressivo, lei dovrebbe avere, credo, il numero diretto del nostro consigliere, chiami :-).
La devo aver vista al Woodstock….
Grazie mille e spero che come noi tenga duro non molli.

Adamo Moscatelli

Giorgio Venturi - 15 marzo 2011

Non servono scuse, tra persone serie e in buona fede come io e lei ci si puo scontrare, discutere, criticare è solo che a volte la rabbia per questi morti che camminano che ci negano anche i più basilari dirittti costituzionali come la libertà d’epressione mi fa bollire il sangue. loro non molleranno mai…noi neppure!
Ciao
Ti abbraccio
LaVoceRomagnola


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: